In crescita l’inflazione a Modena

L’inflazione di maggio 2017 a Modena è stata calcolata a + 1,4 % su base tendenziale annua. Segno positivo, + 0,2 %, per la variazione su base congiunturale mensile rispetto ad aprile. È quanto risulta dalle rilevazioni del servizio Statistica del Comune di Modena per il calcolo provvisorio dell’indice dei prezzi al consumo per l’intera collettività (Nic).

Tre delle 12 divisioni prese in esame sono state rilevate in aumento, quattro in calo, e cinque sono invariate. Queste ultime sono “Istruzione” e “Servizi sanitari e per la salute”, “Bevande alcoliche e tabacchi” dove aumentano birre e vini ma calano altri alcolici, e “Abitazione, acqua, elettricità e combustibili”, divisione che, seppure risulti invariata, fa rilevare all’interno delle classi che la compongono, aumenti sui prodotti per la riparazione e manutenzione della casa compensati dalla diminuzione del gasolio da riscaldamento. Quinta divisione invariata è risultata “Ricreazione spettacolo e cultura”, che all’interno ha però avuto aumenti per giochi e giocattoli, piante e fiori, servizi veterinari, servizi ricreativi e sportivi, libri e articoli di cartoleria. In diminuzione risultano apparecchi di ricezione e audiovisivi e pacchetti vacanze (a rilevazione nazionale).

Tra le divisioni in crescita, “Mobili, articoli e servizi per la casa” (+ 3,2 %), è la divisione che registra l’aumento congiunturale più alto del mese, dovuto a mobili e arredi per adeguamenti tariffari di un’importante catena di vendita. In diminuzione gli articoli tessili per la casa, apparecchi elettrodomestici, attrezzature per il giardino e materiale elettrico.

Altro aumento significativo (+ 1,8 %) si è registrato per “Alimentari e bevande analcoliche”, divisione che registra un aumento congiunturale elevato dovuto soprattutto alla frutta (per l’entrata sul mercato delle primizie estive) ma anche per pesci, carni, latte e formaggi, oli e grassi, zucchero e caffè. In diminuzione gli ortaggi e altri prodotti.

Alla divisione “Abbigliamento e calzature” leggero aumento (+ 0,2 %) dovuto agli ultimi arrivi sul mercato dei prodotti di abbigliamento della nuova stagione primavera/estate.

La flessione più significativa (- 1,9 %) è stata rilevata per la divisione “Trasporti”, che riscontra un calo consistente dovuto alle variazioni delle tariffe (a rilevazione nazionale) del trasporto aereo passeggeri e dei carburanti per autotrazione; in aumento automobili, motocicli, trasporto passeggeri su rotaia (rilevazione Istat), biciclette e ricambi per mezzi di trasporto.

Calo (- 0,6 %) anche alla divisione “Comunicazioni”, a intera rilevazione nazionale, che risulta in diminuzione per la minor spesa per l’acquisto degli apparecchi telefonici e per i servizi di telefonia mobile.

Identica flessione (- 0,3 %) per due divisioni. “Servizi ricettivi e di ristorazione”, risulta in diminuzione per il calo del prezzo della camera d’albergo nella nostra provincia mentre risultano in aumento agriturismo e villaggi vacanze rilevati direttamente dall’Istat. Il calo di “Altri beni e servizi” è invece determinato dalla diminuzione di oreficeria, servizi assicurativi per l’abitazione e servizi finanziari (a rilevazione nazionale).

Sullla pagina del Servizio statistica del Comune, sono consultabili anche i dati sull’inflazione dei mesi precedenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *