Giovani e Smartphone: s’inizia già a 8 anni

Giovani e Smartphone: s’inizia già a 8 anni

In occasione della Giornata Mondiale della Sicurezza in Rete (Safer Internet Day) in programma oggi, 7 febbraio, il Centro culturale Francesco Luigi Ferrari rende noti i primi dati della ricerca sviluppata a livello europeo su giovani e smartphone. La ricerca è parte di SMART Generation, progetto finanziato dall’Agenzia Nazionale Giovani nell’ambito del Programma europeo Erasmus+.

0
CONDIVIDI

Sempre connessi: un adolescente su due inizia a usare lo smartphone tra i 12 i 14 anni, ma un nutrito gruppo di ragazzi ha iniziato a digitare sul piccolo schermo già a 8 anni. Sono questi i primi risultati dello studio sviluppato dal Centro culturale Francesco Luigi Ferrari nell’ambito di “SMART Generation”, il progetto cofinanziato dal Programma europeo Erasmus+, nato per favorire un uso consapevole dello smartphone.

Al questionario hanno risposto 1735 ragazzi: 509 in Italia, 503 in Spagna, 382 in Lettonia, 316 in Romania e 25 ragazzi contattati tramite la rete europea EAEA. Il campione è composto prevalentemente da giovani con una età compresa fra i 15 e i 19 anni. Secondo la ricerca, oltre il 90% dei ragazzi si affretta a rispondere appena il cellulare squilla, il 42% verifica compulsivamente lo smartphone, quasi il 70% controlla insistentemente i propri profili social.

La ricerca verrà pubblicata integralmente nelle prossime settimane sul sito del progetto ma i primi dati – elaborati in occasione della Giornata Mondiale della Sicurezza in Rete, oggi 7 febbraio, appuntamento annuale per un uso responsabile del web, organizzato con il supporto della Commissione Europea – parlano di una generazione precocemente connessa. Il 45% degli intervistati, infatti, ha iniziato ad utilizzare lo smartphone fra i 12 e i 14 anni, ma esiste una percentuale di poco inferiore che ha cominciato a “prendere confidenza” con l’apparecchio fra gli 8 e gli 11 anni. Le tre funzioni maggiormente utilizzate risultano essere le chat, l’ascoltare musica e il navigare sul web; quelle meno utilizzate sono invece fare acquisti sul web, l’utilizzare blog o leggere ebook. Fra i social le preferenze vanno a Youtube (94,5%), Whatsapp (92%), Instagram (80,1%), e Facebook (72,5%).

SID-2017-logo-with-less-white-space-1024x521

La ricerca è uno degli elementi conoscitivi utile alla definizione del Modello Pedagogico che il progetto SMART Generation intende definire e mettere a disposizione di insegnanti ed educatori per incentivare un uso consapevole e sicuro dello smartphone, strumento utile anche all’apprendimento, se ben utilizzato.

«Sul tema delle nuove tecnologie siamo impegnati a dare risposte positive ai giovani e agli educatori – spiega il presidente del Centro Ferrari, Paolo Tomassone –. “Educare allo smartphone” sarà un Modello Pegagogico agile e funzionale, elaborato a partire dalla metodologia della Media Education, messo a punto per rispondere alle esigenze di adulti, organizzazioni scolastiche e gruppi informali che sentono il bisogno di essere d’aiuto ai ragazzi in questo percorso di consapevolezza sull’utilizzo delle tecnologie. Il Modello Pedagogico, valutato e validato attraverso i canoni della socioterapia, si concentra su 4 aree: identità digitale, relazione digitale, sicurezza digitale e competenza digitale».

SMART Generation è un progetto finanziato dall’Agenzia Nazionale Giovani nell’ambito del Programma europeo Erasmus+ che coinvolge cinque Paesi: Italia, Belgio, Spagna, Lettonia e Romania.

http://smart-generation.wixsite.com/smartgeneration

https://www.facebook.com/smartgenerationproject

Fonte immagine di copertina: Skinny casual lover.

CONDIVIDI
Per contattare la redazione di Note Modenesi, scrivici a questo indirizzo mail.

NESSUN COMMENTO

Rispondi