È successo questa settimana: un po’ di Ferrari va in Spagna, la...

È successo questa settimana: un po’ di Ferrari va in Spagna, la lettera alla città di don Erio, dove conviene fare la spesa a Modena?

Le notizie da segnalare nella settimana. Oggi i fatti, belli e brutti, dal 23 al 29 gennaio 2016.

0
CONDIVIDI

Ferrariland, il parco per tutti gli amanti del Cavallino rampante. Un investimento totale di circa 100 milioni di euro per realizzare Ferrariland, il parco che occuperà un’area di 60mila metri quadri e sarà dotato di grande attrazioni destinate alle famiglie e a tutti fan del Cavallino. Il completamento del parco tematico è previsto per la fine di quest’anno con apertura dei cancelli al pubblico a inizio 2017. Appuntamento a Maranello nel gennaio 2017 allora? No, il parco sorgerà in Spagna, in Terragona, a cento chilometri circa da Barcellona.

La prima lettera alla città di Monsignor Castellucci. Riprendendo una tradizione ormai quasi ventennale, anche Don Erio, ha scritto la sua prima lettera destinata a tutta la città con l’intento di aprire un dibattito «che non si limiti a dare voce ad emozioni momentanee, ma accetti di ragionare e confrontarsi sulla teoria e sull’esperienza». Note Modenesi ha dato ampio resoconto della Lettera pubblicando anche la versione integrale. Una prima risposta alle questioni poste dal Vescovo è arrivata dal Sindaco Giancarlo Muzzarelli.

Chiude Antenna 1. Da mercoledì scorso non trasmette più la storica emittente locale Antenna 1 del gruppo Rete 7 guidato dall’ex consigliere Bper Nino Spallanzani. In crisi già da lungo tempo, la proprietà ha deciso di chiudere la sede di Modena (e Reggio) accentrando tutto su Bologna. “Perdita importante per il pluralismo dell’informazione regionale” è la voce univoca che si alza dalla società civile e dalla politica. Si muovono il sindacato, l’Ordine dei giornalisti. Previsto un tavolo in Regione. Peccato che Antenna 1 non la guardasse più nessuno, che un intero tg ormai fosse fatto da un solo giornalista, uno solo! Insomma, il classico caso di un’azienda stracotta. Dispiace, naturalmente, ma che la sua chiusura sia una perdita per il pluralismo dell’informazione è una ciofeca. Il “pluralismo” se ne era andato da un pezzo. Fuori dal coro, bisogna dire con chiarezza che per salvaguardare la qualità dell’informazione modenese, serve investire su idee nuove, su nuovi mezzi, su nuovi soggetti, non correre dietro al passato (dl).

Giornata della memoria, il ricordo di un sopravvissuto. Per commemorare la giornata della memoria, il Carlino pubblica in video una toccante testimonianza di un sopravvissuto: Franco Varini, classe 1926. Arrestato dalle SS l’8 luglio del 1944, fu portato prima nel campo di transito di Fossoli e poi trasferito a Flossenburg e nei campi Augsburg e Kottern collegati a Dachau.

Dove conviene fare la spesa? Federconsumatori Modena pubblica la consueta indagine sui supermercati in cui è più conveniente fare la spesa (la si può trovare qui). Al top quelli della catena milanese Esselunga. Per gli ipermercati il più conveniente è invece il Conad. Eurospin per i discount.

Emergenza smog, punto e a capo. Non se ne parla più. Per la stampa, al momento, non è più un’emergenza. Invece, calato per un attimo il sipario mediatico, la situazione è sempre gravissima. Pm10 alle stelle, come segnala Emilia-Romagna meteo. Intanto, l’orologio dell’Apocalisse, il cui orario viene stabilito da un attendibilissimo gruppo di scienziati, è stato spostato alle 23.57. Non accadeva dal 1983, in piena guerra fredda.

CONDIVIDI
Per contattare la redazione di Note Modenesi, scrivici a questo indirizzo mail.

NESSUN COMMENTO

Rispondi