È successo questa settimana: i modenesi nei Panama Papers, il problema Maserati e la scuola che riapre

Panama Papers: c’è anche Modena. In tutto il mondo, più o meno, si sta parlando dei Panama Papers, i documenti che mostrano come i capitali vengano spostati nei paradisi fiscali. Nella lunghissima lista spuntano, capitolo dopo capitolo, anche alcuni nomi italiani. Ed era solo questione di giorni perché spuntasse anche qualche nome emiliano e modenese. Dopo Luca Cordero di Montezemolo, ex presidente della Ferrari, l’Espresso ha pubblicato anche i nomi di altri tre personaggi del modenese presenti nei documenti: Augusto Pianesani, imprenditore di Vignola, Francesco Ortonovi e Friedrich Strafingher, imprenditori edili.

Dal 2017 stop Maserati a Modena? Con la fine della produzione della Gran Cabrio e la Gran Turismo lo stabilimento Maserati di Modena rischia l’esubero. Resterebbe solo la produzione dell’Alfa 4C, però non sufficiente per garantire l’occupazione a tutti gli operai. I sindacati parlano di situazione gravissima. La speranza è che ci sia un nuovo modello Maserati da produrre nello stabilimento Modenese. Al momento, però, non è ancora venuto fuori.

Inaugurazione della scuola colpita dal terremoto. Una piccola storia: 3 anni fa, nel maggio del 2012, il terremoto che colpì l’Emilia, danneggiò anche diverse scuole e asili. Uno di questi era l’asilo San Vincenzo de’ Paoli di Cavezzo. In questi anni i bambini hanno vissuto nei container, ma ora, dopo le donazioni e i lunghi lavori di recupero, la scuola riapre e domani 9 aprile c’è l’inaugurazione ufficiale.

Umarells a Mirandola. E se l’arte di guardare i cantieri, tipica dei cosiddetti “umarells” (espressione resa celebre dal bolognese Danilo “Maso” Masotti del blog dedicato agli umarells) fosse una “scuola di monitoraggio civico”? Ad esempio i pensionati che amano osservare i lavori potrebbero controllare che non avvengano abusi sul lavoro e che vengano rispettate le leggi sulla sicurezza. E’ uno degli spunti del progetto scolastico “Umarells a Mirandola”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *