È successo questa settimana: approvato il bilancio comunale, Bottura e conferma irregolarità...

È successo questa settimana: approvato il bilancio comunale, Bottura e conferma irregolarità alla Castelfrigo

Le notizie da segnalare nella settimana. Oggi i fatti, belli e brutti, dal 20 al 26 febbraio 2016.

0
CONDIVIDI

Approvato il bilancio comunale. Il consiglio comunale di Modena, dopo una seduta di 10 ore, ha approvato il Bilancio preventivo armonizzato 2016-2018. L’aula a dato il via libera alla manovra emendata, con il voto a favore di Pd, Sel e Fas, contro FI, Ap, M5s, CambiaModena. Astenuta Per me Modena. Approvati anche 19 emendamenti al Bilancio dei 28 presentati (due dei 28 sono stati ritirati in corso di seduta), e 8 ordini del giorno sugli 11 presentati. La maggior parte degli investimenti per i prossimi anni si concentrano nel settore della riqualificazione urbana, mobilità, istruzione, welfare e nel ripristino degli edifici colpiti dal terremoto.

Castelfrigo, caso chiuso? Anche se dopo aver tenuto banco per diversi giorni sulle prime pagine di tutti i giornali, oggi sembra apparentemente “risolta” la vicenda della Castelfrigo di Castelnuovo Rangone, potrebbe invece trattarsi della classica punta dell’iceberg che nasconde ben peggio. Il Ministero del lavoro, in seguito alle ispezioni nell’azienda, parla chiaramente di sfruttamento dei lavoratori e irregolarità. Problemi che riguardano non solo il settore carni (nel quale opera Castelfrigo) ma anche il settore ceramico e metalmeccanico, come denuncia la Cisl. Il caso dunque mette il dito nella piaga di una certa parte del sistema delle cooperative: “Da anni contrastiamo le aziende di tutti i settori che appaltano lavorazioni a cooperative ‘di comodo’, le quali hanno un costo per unità di manodopera inferiore spesso del 30-40 per cento a quello dei propri dipendenti diretti”, così il segretario generale della Cisl Emilia Centrale William Ballotta.

banana-342581_960_720 La mensa dei poveri di Massimo Bottura. Lo chef ha annunciato che, dopo l’esperienza del Refettorio Ambrosiano per l’Expo di Milano, aprirà entro l’anno una mensa per i poveri anche a Modena, così come in altre città italiane e del resto del mondo. “I cuochi hanno messo a disposizione la loro conoscenza per rendere visibile l’invisibile a tutti” ha dichiarato Bottura ricordando l’esperienza milanese. “E cioè che con briciole di pane, una banana considerata troppo matura, o un pomodoro non perfetto si possono trasmettere emozioni”.

Più smog, più malati. Anche a Modena, come altrove, ai picchi di inquinamento da polveri sottili corrisponde un aumento di visite al pronto soccorso o dal medico generico. E’ quanto emerso dall’annuale meeting internazionale sull’asma e sulla broncopatia cronico ostruttiva. Il pricipale nemico della salute respiratoria (e cardiaca) resta però il fumo di sigaretta.

CONDIVIDI
Per contattare la redazione di Note Modenesi, scrivici a questo indirizzo mail.

NESSUN COMMENTO

Rispondi