254mila imprese a rischio alluvione in Emilia Romagna

In questi giorni il pensiero è andato all’alluvione che colpì il modenese nel 2014, in particolare Bomporto e Bastiglia. Ora a ogni allerta meteo della Protezione civile, a ogni segnalazione di probabile “criticità idraulica”, la paura si fa sentire. Una paura concreta, come dimostrano anche i dati pubblicati nel rapporto ISPRA (Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale) “Rapporto sul Dissesto idrogeologico in Italia: pericolosità e indicatori di rischio”. Secondo i dati sono oltre 7 milioni gli italiani a rischio nell’88% dei comuni. L’Emilia-Romagna, come già segnalato negli anni precedenti, è tra le regioni più a rischio.

mappa-ispra-1

“Il dissesto idrogeologico costituisce un tema di particolare rilevanza a livello nazionale a causa degli impatti sulla popolazione, sulle infrastrutture lineari di comunicazione e sul tessuto economico e produttivo” spiega l’ISPRA. Soprattutto quest’ultimo punto è particolarmente delicato: ricordiamo le tante imprese rovinate dall’alluvione del 2014. E così non sorprende vedere l’Emilia-Romagna tra le regioni con il numero più elevato di imprese a rischio in caso di alluvioni.

mappa-ispra-2

La nostra regione è anche tra quelle più a rischio di pericolosità da frana (con la Toscana, la Valle d’Aosta e la Campania). Un dato particolarmente significato è quello che indica l’Emilia-Romagna tra le sette regioni italiane che hanno il 100% di comuni con aree a rischio sia per la pericolosità da frana sia per quella idraulica. La nostra regione viene fuori anche tra le aree con il numero più elevato di beni culturali a rischio frane, e con i valori più alti di popolazione a rischio in case di alluvione.

italia-sicura-modena

I dati e le mappe che fotografano la situazione del dissesto idrogeologico in Italia si trovano anche nella piattaforma Italia Sicura. Attraverso la piattaforma è possibile vedere anche la mappa dei cantieri anti-dissesto, ovvero ciò che si sta facendo contro frane e alluvioni, regione per regione e comune per comune (mp).

Vedi anche:

(foto di copertina Alessandro Fiocchi – LaPresse)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *