Una giornata all’Expo

Una giornata all’Expo

Prosegue la collaborazione di Note Modenesi coi laboratori del progetto "Carissimi padri" organizzato da Emilia Romagna Teatro Fondazione. Oggi presentiamo il lavoro realizzato dagli studenti dell'Istituto comprensivo "Giacomo Leopardi".

0
CONDIVIDI

Istituto Comprensivo “G. Leopardi”

AS 2014-2015

Questa classe ha voluto da subito ambientare il proprio spettacolo al tempo della prima esposizione universale, raccontando di un gruppo di amici che girano tra i padiglioni parigini e vedono le meravigliose invenzioni appena fatte, l’elettricità, il cinema, la mongolfiera, per poi concludere la loro gita al Mulin Rouge e scoprirne le bellezze. Con loro abbiamo lavorato molto sulle intenzioni di recitazione, in quanto la stesura del copione è stata molto veloce, e abbiamo fatto creare loro, come esercizio, dei tableau vivant in cui dovevano inserire più elementi possibili coerenti con il paesaggio francese.

Per ulteriori informazioni si rimanda alla pagina del laboratorio su Carissimi Padri…

ex2cleo02
Copione

 

I  SCENA: la mattina

I ragazzi entrano sa sx.

Charlotte: oh ragazzi dobbiamo partire.

Charlie: si si l’expo non può aspettare.

Nicolas: cosa?

Charlie: hai capito bene l’expo.

Margot: ma come fai a saperlo?

Hugo: mamma mia Nicolas, non hai sentito che alla radio parlavano di una nuova invenzione!?

Margot: no, cosa? Charlotte: il giornale Margot: che cos’è?

Charlotte: è un ammasso di carta che ti racconta le news. Per esempio da qualche giorno non si legge altro che dell’ EXPO! E quindi noi ci dobbiamo andare per forza.

Hugo: perdersi questo evento sarebbe da pazzi! Qui c’è la creme de la creme dell’ innovazione mondiale!

Nicholas: crema? Quale crema? Si mangia???

Margot: ma no!!… dando un buffetto a Nicholas … la creme de la creme, vuol dire il meglio del meglio!

Nicolas: aaa! ma cos’è l’expo? e dove si tiene?

Charlie: oh santo cielo, l’expo è una grande o per meglio dire enorme esposizione mondiale delle innovazioni e delle attività caratteristiche di ogni paese…e quest’anno è qui!

Nicolas: dove?

: in Francia , a Paris! Ma tu lo sai dove abiti?

Charlie: oh Nicolas svegliati , quando si dice essere fuori dal mondo.. Ma non dovevamo andare al fiume?

Nicolas: sì però poi andiamo all’expo… lì ci sono più avventure!

Hugo: ok! Spostare!

Charlotte: Che bel panorama.. sembra di stare in un quadro.. (Proiezione)

Charlie: sì proprio vero Charlotte

Nicolas: che ne dite di andare su quel traghetto?

Margot: sì sì, ma ….. cos’è un traghetto?

Hugo: uff ,un traghetto è un “veicolo” che ci trasporta sull’acqua. Funziona a vapore, è una vera novità per spostarsi sulla Senna Nicolas: ok! allora andiamo!

Mentre salgono sul traghetto si accorgono che qualcosa non va, guardano in alto spaventati e seguono con lo sguardo la mongolfiera

Margot:oddio non c’è più il sole!

Nicolas:è vero!

Charlie:moriremo tutti! (dietro a Cecilia) Charlotte: aaah ecco è tornato!

Hugo:ma cos’è successo?

Charlotte:penso che sia stato quel pallone gigante in cielo!

Margot:ma cos’è?

Nicolas:non so chiedi a quel signore! (Nicola entra da dx)

Margot:mi scusi Monsieur,mi saprebbe dire che cos’è quell’affare ?

signore: si.. (indifferente e guardando davanti a sè)

Margot (perplessa, dopo una pausa): e cos’è??

Signore: è una mongolfiera….

Charlotte: che bello!

Signore: fu inventata dai fratelli Joseph e Jacques Montgolfier, e il suo primo volo avvenne il lontano 14 dicembre del 1782 . Il loro primo volo fu un disastro, l ‘aerostato volò per circa 2.000 metri, poi persero il controllo.

Nicholas: oh cielo! Vuol dire che rischia di sfracellarsi al suolo? (dietro ad Aurora)

Signore: ma no bambino; da allora la tecnica ha fatto passi da gigante, ormai il volo è un gioco da ragazzi! E chissà quante modi ancora inventeremo per volare!

Margot: che bello, mi piacerebbe provare…

Nicholas e Charlie prendono Margot in braccio…

Nicholas: per ora accontentati di noi ahahaa! (la spingono avanti) Hugo: ragazzi sbrigatevi, il traghetto parte!

Charlotte:è la prima volta che salgo sul traghetto.

Margot:anch’io!,ma ne avevano già parlato.

Charlotte:sì,ma vederlo dal vivo è una cosa … wow.

Charlotte e Margot si guardano intorno con gli occhi spalancati e la bocca aperta Hugo: smettete di sbavare, sù andiamo!

Capitano (Francesco entra da dx con Samantha): Madame e Monsieur il traghetto sta per salpare.

ex2cleo01

Tutti si posizionano come durante le prove. Il Capitano tiene il timone. I ragazzi fanno finta di essere seduti e comodi. La gostess passeggia tra loro e scrive freneticamente le ordinazioni, concitata.

Hostess: gradite qualcosa?

Charlie: sì, gradirei un bicchiere d’acqua per cortesia

Capitano: alla vostra sinistra, signori, potete vedere il padiglione italiano, opera dell’ architetto torinese Carlo Ceppo. (proiezione)

Charlotte: ricorda Margot, Carlo Ceppo

La hostess crede che parli con lei

Hostess: sì, sì, il bicchiere pieno zeppo, va bene

Charlie: no signorina non diceva a lei…

Nicholas: io gradirei uno succo alla pesca!

Capitano: Il padiglione italiano costruito in legno e ferro ha uno stile che richiama la chiesa di San Marco a Venezia, con rosoni trilobati, fregi in mosaico, e basamento di marmi colorati ed è sormontato da cinque grandi cupole di bronzo dorato.

Margot: guarda Charlotte! Guarda che bello il padiglione dell’ Italia! Col bronzo dorato!

Hostess: un bicchiere di succo alla pesca col bordo dorato??

Margot: ma no, no….

Hugo: la interrompe anche io grazie ,gradirei un succo d’arancia

Hostess: (tra sé e sé) accidenti non capisco più nulla! Arrivano subito. Con sorriso tirato e denti stretti Capitano: madame e monsieur informiamo che mancano 2 minuti all’attracco!

Margot: di già?! su prepariamoci

Rumore nave: bhoom, bhoom! I passeggeri si alzano insieme. Al cenno verso la sua sx di Nicola fanno come se stessero cadendo

Capitano: Madame e Monsieur potete scendere! I ragazzi lo guardano storto

Charlotte: d’ora in poi dovremmo proseguire all’expo a piedi

Margot: oh no

Hugo: dai non sarà la fine del mondo! Ci sono tante cose da vedere

Charlie: allora incamminiamoci prima che faccia tardi Camminano in avanti esausti e trascinando i piedi

Nicolas: che noia ma quando arriviamo: ho fame,ho sete e ho male dappertutto

Charlie: ecco vedo una mega torre a punta

Charlotte: ma che imbec…

Hugo: noo si dice stupidino

Tutti si stringono sotto la torre guardando in alto e continuando a guardare per tutte le battute Charlotte:non è una semplice torre Charlie:in che senso?

Charlotte: è la Tour Eiffelle

Insieme: aaaahhhh

Charlotte: a molti parigini non piace ma per me è la bellissima. L’ ha progettata l’ ingegnere Gustave Eiffel ed è stata costruita in due anni proprio per l’ ultima expo…

Margot: speriamo non la demoliscano subito!

ex2cleo03

II  SCENA: il pomeriggio

I ragazzi del tapis rouant si posizionano entrando da dx come nella prova Charlie: Guardate che bello l’EXPO!

Margot: Quanta fila!

Charlotte: Hai ragione Margot! Meglio muoversi!

I ragazzi guardano sbalorditi una fila di persone che si spostano senza camminare. A questo punto i ragazzi del tapis roulant si muovono strisciando i piedi in diagonale ed escono a sx.

Nicolas: (mentre li guarad)Che bello ragazzi! Siamo quasi arrivati alla biglietteriaaaaaaaa. Ma…. Come è possibile? Quelle persone scivolano sul pavimento!!

Passante: sono dei trottoir roulant! Coprono tutta questa strada per far spostare le persone dalla Station du pontes des invalides ai padiglioni. Salite anche voi, è veramente comodo e divertente!

Nicholas: e noi abbiamo camminato tutto questo tempo?!! Ma uffi!!

Margot: smettila di lamentarti e sali anche tu, arriveremo in un attimo così!

I ragazzi fanno trenino sul tapis roulant

Hugo: Guardate la’ in fondo, la bicicletta (indica)! Charlotte: Dicono che costi moltissimo

l ragazzi iniziano a girare per i padiglioni passeggiando come all’inizio

Nicolas: Qui c’ è scritto Campo di Marte, palazzo dell’ elettricità. E mi hanno detto che da qualche parte dovrebbero esserci delle fotografie in movimento!

Charlie: Dicono si chiami cinematografo ed è stato inventato dai frateli Lumiere Hugo: qualcuno non ha notato qualcosa di strano?

Nicolas: Cosa?

Hugo: L’elettricità!! (spalancando le braccia e girando su se stesso) Margot: Fantastico, hai ragione Hugo!

Hugo: Lo so che ho ragione, l’ho letto in quel cartello laggiù (indica, mostrando si non aver intuito nulla senza il cartello) . Thomas Edison ne utilizzò i principi per inventare la lampada a incandescenza

Charlie: chissà quante altre cose si possono fare con questa scoperta!

Charlotte: Adesso si è fatto tardi! Andiamo a cenare al Moulin Rouge

Nicholas guarda impaurito verso il muro dove si proietta il film del treno dei Lumiere Nicholas: e mi sa che ci conviene sbrigarci … correte, correte!!!

Charlotte: Nicholas ma che ti prende?!

Nicholas: quel… quel treno…. Ci sta venendo addosssooooooo!!!

Tutti si accorgono del treno, urlano e scapppano!

ex2cleo05

III  SCENA: la sera

i ragazzi della scena prima escono a sx. CONTEMPORANEAMENTE i ragazzi della scena successiva entrano da dx (come se fossero altri amici che sono già al Moulin Rouge) Le ballerine/cameriere si posizionano in fondo a sx e chiacchierano tra loro.

Hugo: Oh! guardate che belle ragazze!

Charlie:wow che locale raffinato!come si chiama?

Nicolas:dai, ma tu non esci mai?Questo è il Moulin Rouge ed è il più famoso locale di Parigi!!! L’ hanno aperto solo l’ anno scorso e ormai tutta la bella gente ci viene

Hugo: (indicando con supponenza) più precisamente è un “caffè concerto”. Qui i suonatori suonano, i filosofi filosofeggiano, la gente ..

Nicolas: (Davide, come suggerendo) genteggia?

Hugo (fingendo di non sentirlo).. parla di politica.

Charlie: …e le ballerine ballano”

I ragazzi indicano le ballerine e si scambiano gomitate e risatine

Margot e Charlotte: (vezzose, a braccetto, spostandosi a sx) i maschi …tutti uguali!

Charlie: Sediamoci, il tavolo è libero.

I ragazzi fanno finta di sedersi comodi come per la scena del traghetto

(Cameriera:posso portarvi qualcosa ragazzi?

Nicolas: Oui merci madame. Una bottiglia di champagne!

Margot:e anche 5 bicchieri,grazie!

Charlie:per fortuna ci sono le ragazze!

Hugo:esatto!Saremo persi senza di loro.

Margot: ragazzi io mi sto annoiando!balliamo dai!

Charlotte: ma Margot lo sai che mi vergogno!!

Hugo: perché non andate a ballare con quelle ragazze?

Nicolas: sarebbe un bello spettacolo per tutti quanti.

Charlie: in fondo è un ballo semplicissimo; che deriva dal galop della qadriglia.

Margot: non se ne parla!

Charlie: dai solo per divertirci un po’

Charlotte e Margot si guardano per trovare nell’ altra un supporto, poi insieme

ex2cleo04

Margot e Charlotte: va bene ma solo se venite anche voi!

I 5 ragazzi e le ballerine ballano sulla Musica del Can can , raggiunti daille ragazze della scena precedente e dalle altre comparse. Si scatenano ballando in gruppo e ridendo in modo scomposto e casuale, spostandosi verso il fondo.

La musica si abbassa. Proiezione tapis roulant. Da sx entrano, come se fossero sul tapis roulant, dei soldati fingendo un fucile con le mani,in fila. Inizialmente trascinano i piedi, da metà palco i loro passi diventano una marcia ed in questo modo escono.per tutto il percorso sono rimasti col viso rivolto al pubblico, sorridenti. Ogni tanto salutano. I ragazzi che ballano sul fondo sembrano non vederli.

Quando sono usciti i soldati, vediamo i ragazzi che continuano a ballare scomposti e a ridere. La musica si alza.

Buio

NESSUN COMMENTO

Rispondi