#SarajevoCabaret

#SarajevoCabaret

Prosegue la collaborazione di Note Modenesi coi laboratori del progetto "Carissimi padri" organizzato da Emilia Romagna Teatro Fondazione. Oggi presentiamo il lavoro realizzato dagli studenti della Scuola Media Statale “G. Carducci”.

0
CONDIVIDI

Scuola Media Statale “G. Carducci”
A.S. 2014-2015

La drammaturgia scritta dai ragazzi della 3G delle medie Carducci si concentra sulla scintilla che ha fatto esplodere il primo conflitto mondiale: l’assassinio dell’arciduca Francesco Ferdinando a Sarajevo, ad opera del giovane attentatore patriota Gavrilo Princip. L’attentato viene raccontato da più prospettive, in un susseguirsi di battute e sketch da cabaret del primo novecento. Tre muse, direttamente dalla Grecia classica, aprono lo spettacolo cantando dell’attentato. È poi la volta del futurista Filippo Tommaso Marinetti, che esalta l’azione distruttiva e ribelle di Gavrilo, a cui si contrappone Sigmund Freud, interessato a ricercare le profonde motivazioni psicologiche che stanno dietro all’attentato. L’attenzione si sposta poi sull’arciduca, compianto dalla moglie Sophie e ridicolizzato da un gruppo di pettegole, superficiali come certi grandi uomini di quell’epoca. Dopo un componimento in rima recitato da tutti i personaggi, la chiusura spetta all’arciduca, involontario protagonista della vicenda, con la battuta finale pronunciata in punto di morte.

Per ulteriori informazioni si rimanda alla pagina del laboratorio sul sito di Carissimi Padri…

carducci01
Copione

Le muse introducono il cabaret con la canzoncina da loro creata.

MUSE Noi siamo le muse…

 

Fu tanto tempo fa

Per l’arciduca erano guai

e per le strade bruta

della Serbia la follia!

E nel pericolo,

ognuno decideva per sé

e per le strade di Sarajevo

tutto andava giù (continua ragazza)

Ma un giorno Gavrilo sparò

Con i suoi fulmini

Colpì l’arciduca e lo spedì

All’ospedale con la sua mogliettin…

E lo sapete

L’unica importante verità

Ve la diciamo noi (si ragazza)

Gavrilo fece in tenera età

E se anche sembra

Impossibile c’è anche di più

Si fece stringere la giacca

Tutta intorno a lui

E sebbene fosse grasso e strano

Questa è la realtà!!!!!

 

Durante e dopo la canzone Gavrilo e FF mimano l’assassinio. I gruppi sono dislocati nello spazio scenico: I Marinetti e i Freud hanno una scatola che simboleggia una cassetta delle lettere. Iniziano a parlare i Marinetti.

MARINETTI

VALENTIN Noi vogliamo cantare l’amor del pericolo,

MATTIA l’abitudine all’energia e alla temerità.

ALESSIO Il coraggio, l’audacia, la ribellione saranno elementi essenziali della nostra poesia.

LUDOVICO E Gavrilo Princip è un esempio di tutti questi valori Futuristi.

SAMUEL Quest’uomo giovane, armato, forte

ALESSIO è l’emblema della ribellione contro i soprusi alla sua nazione, contro i grandi poteri reazionari degli altri paesi.

VALENTIN Guardatelo come tira fuori lo strumento della discordia e come nel suo impeto dinamico, aziona questo prodigio della tecnologia.

MATTIA Lui è un proiettile lanciato a gran velocità contro la tediosa e impolverata burocrazia regnante.

ALESSIO Gavrilo fa esplodere la diplomazia,

LUDOVICO scatena l’ira dell’animo umano,

VALENTIN esalta la velocità del progresso!

LUDOVICO Tutto questo perché è per mezzo della guerra,

SAMUEL unica igiene del mondo,

MATTIA che possiamo ribaltare l’antica statica società e finalmente glorificare il patriottismo,

ALESSIO il militarismo,

VALENTIN il gesto distruttore dei libertari,

SAMUEL le belle idee per cui si muore…

carducci04

FREUD

DAVIDE ma basta, basta, basta! E che chiasso!

ALBERTO Ancora quello scellerato di Marinetti che continua imperterrito a credere che il Futurismo s’imporrà! Povero scapestrato!

JACOPO Il mondo è cambiato, le persone sono cambiate, ma lui è sempre lo stesso! Aaah dovevo immaginarlo,

ALBERTO comunque, avete continuato a elaborare le vostre teorie sul caso Princip?

SIMONE Sigmund con chi stai parlando?

ALBERTO Con me! (indicando gli altri Freud).

SIMONE Aaah (l’altro Freud lo prende in giro.)

DAVIDE Dicevo, il caso Gavrilo: quali pulsioni psicologiche hanno spinto questo giovanotto sbarbatello a commettere un atto così manifesto?

JACOPO Il mito di Edipo ad esempio, “l’uccisione del padre, per giacere con la madre”,

ALBERTO può aver motivato l’odio istituzionale nei confronti della figura del padre-stato, incarnata dal fisico saccente, pieno e ingordo di Francesco Ferdinando?

SIMONE Guardate il subconscio di Gavrilo come carezza il grilletto dell’arma, corrispettivo esterno della pulsione interna,

JACOPO al pari di come il neonato carezza…(viene interrotto)

DAVIDE Io mi concentrerei sulla conseguenza di ciò che l’inconscio ha creato:

SIMONE un fenomeno internazionale!

MARINETTI

LUDOVICO ma smettila, sei polveroso!

SAMUEL Stai sempre a studiare, tu e i tuoi libri!

FREUD

JACOPO ma come ti permetti?

ALBERTO Placa il tuo istinto parricida e datti una calmata!

MARINETTI

VALENTIN mmm, come mi fai adirare! Per esprimere il mio non statico dissenso distruggerò la parola,

ALESSIO eliminando la struttura linguistica ed esprimendomi con gesti dinamici di libertà e disapprovazione,

MATTIA ma soprattutto disapprovazione.

(I Marinetti mimano libertà, ma soprattutto disapprovazione facendo gesti e intonando una canzone rumorista, i Freud li guardano scocciati).

FREUD

DAVIDE ah sì, io invece affermo in piena coscienza del mio IO la potenza della struttura linguistica!

ALBERTO Cosa c’è di più efficace, istantaneo e sintetico di un singolo enunciato che ha forma testuale!

JACOPO Cosa c’è più efficace di un tweet?

(tutti i Freud si mettono in cerchio e uno scrive un tweet su un foglio. Tra i vari suggerimenti arrivano a una conclusione e imbucano la lettera, suono del tweet).

MARINETTI

(sentendo il tweet e prendendo il messaggio, leggono):

MATTIA un messaggio da @cucciolofreud56: datti una calmata e dormi un poco di più! #interpretazionedeisogni #1900 #complessodiEdipo

SAMUEL Edipo a me? (sbuffano tutti i Marinetti e si agitano come scimmie).

LUDOVICO Accetto la disputa perché lo scontro è positivo

VALENTIN e soprattutto perché la tecnologia mi piace! (si riuniscono i Marinetti a scrivere, suono del tweet dopo aver imbucato la lettera)

 carducci02

FREUD

JACOPO ha risposto. Messaggio da @andavoacentoallora76 che dice: Stro, anc, stic. Vaff, nzo, lo, lo. Zip, stic, stron, ma soprattutto, vaff… #interpretamiquesto #celapuoifare #iostocongavrilo

SIMONE Dobbiamo rispondere (i Freud Scrivono un altro messaggi, suono del tweet).

MARINETTI

(prendendo il nuovo messaggio)

ALESSIO messaggio ancora da @cucciolofreud56: qui si parla e si scrive, ma stai attento perché se mi parte il subconscio, sono cavoli amari! #maicongavrilo #subconscioforever (i marinetti scrivono un’altra lettera).

FREUD

(prendendo il nuovo messaggio)

DAVIDE nuovo messaggio da @andavoacentoallora76 che dice: noi esaltiamo il movimento aggressivo, l’insonnia febbrile, lo schiaffo e il pugno! Cit. Manifesto, studia! #fattisotto #freudnontitemo.

ALBERTO Ma questo è un affronto all’intelletto.

MARINETTI

LUDOVICO bim, bum, bam, voi siete un affronto! Chi dorme non piglia pesci…!

FREUD

JACOPO ma tua sorella non piglia pesci…

(Confusione generica e urli a distanza finché non arrivano le mogli)

carducci03

SOPHIE

GIULIA ma smettetela! Non vi vergognate a strumentalizzare così questa tragedia infame?

RIHEM Anch’io son stata assassinata quel giorno, assieme al mio amato marito Francesco Ferdinando

AURORA e voi non fate che speculare sulla sua morte per difendere le vostre filosofie!

FRANCESCA R. Per quell’importante visita a Sarajevo gli avevo allargato la sua giacca preferita di due dita,

GIULIA così che non si vedesse la pancetta che aveva messo su (dopotutto sapete, il cinghiale che gli cucino io alla domenica lo fa impazzire, e viene così buono solo usando un sacco di burro!).

RIHEM Aveva pure inaugurato il nuovo pettinino per i baffi che gli avevo regalato, era bellissimo!

FRANCESCA R E mentre passeggiavamo in macchina lungo le rive del fiume, in una giornata così soleggiata,

AURORA arriva questo squattrinato zozzone fanatico d’un serbo-bosniaco (prendono Gavrilo a borsettate) a rovinarci il pomeriggio con la sua pistoletta da quattro soldi.

GIULIA Un po’ di rispetto signori, quest’uomo ha causato due morti in un colpo solo!

PETTEGOLE

TUTTE AHAHAHAH,

ALESSIA ragazze guardate quella signora!

LETIZIA Ah ma si… Ma come si veste? E questa sarebbe la moglie di Franz Ferdinand? Ah, siamo messi bene…

MONICA OeMMeGi! Ma l’avete sentita? Due morti? Il primo giorno forse, ma dopo sai quanti ne sono arrivati?

ALESSIA Ciccia, ha scatenato la prima Guerra Mondiale, apri gli occhi!

SOPHIE

FRANCESCA R. no, no, questo non lo accetto! Signor Marinetti, Signor Freud, signore muse…io esco!

MUSE

CAMILLA ma no, ma no, stia tranquilla!

FRANCESCA M. E voi pettegole datevi una calmata!

PETTEGOLE

LETIZIA mmm, era carino però l’arciduca…

ALESSIA Nah a me non piace.. la duchessa sarebbe carina ma…le avete visto la pettinatura ?

MONICA sembra uno spaventapasseri con quel cappello enorme in testa! e per non parlare del vestito… uno schifo amiche mie!

LETIZIA Vogliamo commentare i gioielli? Non si possono guardare! Gli orecchini poi mamma mia veramente fuori moda!

ALESSIA E ora che ci penso sai chi li usava? Mia nonna nel 1850!

MONICA Povere noi… Ma non pensate che sia assurdo che a causa di questo banale delitto possa nascere una guerra?

LETIZIA Per la morte di questi due nobilucci da strapazzo mandare al macello tutti quei giovani baldanzosi?

ALESSIA Avessero almeno ucciso qualcuno vestito alla moda…

SOPHIE

RIHEM ma come vi permettete? Questi orecchini erano di mia zia!

PETTEGOLE

TUTTE e si vede!

SOPHIE

GIULIA si vede tua sorella…

(Confusione generica e urli a distanza finché non arrivano le muse)

carducci05

MUSE

EMMA calma signore, calma! Volete sapere davvero che cos’era in fondo il nostro amico Franz Ferdinand?

Francesco Ferdinando,

un uomo allo sbando

era di alto rango,

ma aveva una pancia da orango tango…

CAMILLA Durante la gita a Sarajevo,

ed io c’ero, lo vedevo

indossava una giacca spolverata,

ricucita e rattoppata,

FRANCESCA M. la pancetta era sparita

grazie ad un abile gioco di dita

ma il suo viso grassottello

suggeriva la presenza di un po’ di lardello.

EMMA Tutti lo acclamavano a gran voce,

ma BAM! (detto da Marinetti)… un suono atroce

superò ogni esclamazione

proveniva da una precisa direzione

FRANCESCA M. lo sparo di Gavrilo

della giacca ruppe il filo,

quel disperato attentatore

che lo colpì dritto al cuore.

L’arciduca cadde indietro (FREUD)

il suo sguardo ormai era tetro (SOPHIE)

la panzona sbatte a terra (PETTEGOLE)

e ci ritroviamo in…guerra!” (MARINETTI)

MUSE (accennando il ritmo della canzone)

ma un giorno Gavrilo sparò con i suoi fulmini

Colpì l’arciduca e lo spedì

Al cimitero con la sua mogliettin

E lo sapete l’unica importante verità?

(FF si trova al centro della scena, non sa a chi parlare, si guarda intorno e poi esclama)

FF GERRARD: io neanche ci volevo andare a Sarajevo!

(effetto sparo di Gavrilo)

In copertina: Sarajevo oggi. Foto di Antonio Poser.

 

 

NESSUN COMMENTO

Rispondi