La lente deformante del progresso tecnologico

La lente deformante del progresso tecnologico

Continua la collaborazione di Note Modenesi coi laboratori del progetto "Carissimi padri" organizzato da Emilia Romagna Teatro Fondazione. Oggi presentiamo il lavoro realizzato dagli studenti dell'Istituto Comprensivo "F. Berti" di Prignano sulla Secchia.

0
CONDIVIDI

Laboratorio Istituto Comprensivo “F. Berti”
A.S. 2014-2015

Protagonisti del racconto teatrale elaborato dagli studenti della Scuola Media Berti di Prignano sono le innovazioni tecnologiche e all’avanguardia che nascono nel periodo della belle époque e che rapidamente rivoluzionano le abitudini e gli usi della società dell’epoca.

Dalle rivoluzioni nate “buone”, che in un qualche modo migliorano la qualità della vita delle persone dei ceti sociali più elevati, con modelli accattivanti capaci di soddisfare tutti i gusti, come ad esempio l’introduzione della lavatrice elettrica che sicuramente per le donne è una grandissima conquista e che per l’uomo si traduce invece nell’avvento del formidabile trapano buca tutto “black & decker”; a quelle scoperte nate “buone” o comunque con un nobile fine ma che nell’imminente conflitto finiranno per svolgere un ruolo di distruzione e di morte.

Come porre rimedio a questi mali? Sempre con una strabiliante invenzione da primi Novecento………

Per ulteriori informazioni si rimanda alla pagina del laboratorio sul sito di Carissimi Padri…

4
Copione

CHIARA: (scrivendo con fatica) “Cara Sara, ho letto con molto piacere la tua ultima lettera. La tua calligrafia è diventata incredibilmente perfetta, ma come fai? Io faccio una fatica incredibile a scrivere bene…”

SARA: (scrivendo e parlando agevolmente) “Cara Chiara, ma in che secolo vivi? Scrivere a penna è una cosa da romantici, ormai si fa tutto più in fretta con la nuova…”

5GIULIA: Macchina da scrivere OLIVETTI M1! Invenzione sensazionale che cambierà per sempre il vostro modo di scrivere agli amici! Stanco di pennino e calamaio? Stufo delle macchie di inchiostro su tutto il foglio? OLIVETTI M1 risolve tutti i tuoi problemi! Schiacci un tasto e scrivi una lettera! Tiri una leva e vai a capo! Giri una rotella e il foglio è bello che pronto! Cosa aspetti, prezzo speciale per i primi 100 pezzi! Parola di Camillo Olivetti.

SARA: Garantisco io! Il ticchettio dei tasti si trasforma in una soave musica che aumenta il piacere della scrittura, favoloso!

CHIARA: Incredibile, ma come ho fatto fino ad adesso? Ogni volta per finire di scrivere una lettera mi ci vuole un pomeriggio, non sai che fame che mi viene!

EMANUELE: Fame? Qualcuno ha detto fame? Piacere, sono Frank Shailor!

CHIARA: Chi?

EMANUELE: Frank Shailor, per gli amici “Il Tosto!”. Anche voi non sapete che farvene del pane vecchio? Anche voi vorreste potervi preparare uno spuntino in pochi minuti? Da adesso potrete stupire tutti grazie al mio nuovissimo TOSTAPANE! Attaccate questa semplice scatoletta alla corrente elettrica e ZAC! In un solo battito di ciglia avrete del pane caldo e croccante pronto da mangiare! Provare per credere, anzi comprare per credere!

MARTINA: Va bene, va bene, io col tostapane mi sono fatta delle ottime bruschette, però a mangiare uno si sporca lo stesso, guarda qua il mio vestito per la serata è tutto macchiato!

NICOLA: Ohohoh, macchie! Inizialmente ci siamo ispirati a meccanizzare il processo manuale: le prime lavartici furono concepite come macchine atte a sfregare i panni simulando così la tecnica classica del modo più diffuso di lavare la biancheria. Le macchine così realizzate il cui movimento fu inizialmente manuale, a manovella, presentavano l’evidente svantaggio di provocare un’usura eccessiva dei panni, nonché risultati di lavaggio decisamente deludenti.

MARTINA: e questo che vuole? È venuto a farci la lezione di storia?! Il mio è un problema serio, tra poco devo uscire e guardi come è ridotto il mio vestito!

9th August 1946:  A woman taking washing out of a new British machine before replacing it with a receptacle holding the dirty dishes. The new Thor washing machine can wash both clothes and dishes, in separate compartments, and is much cheaper than its American counterparts.  (Photo by Harry Todd/Fox Photos/Getty Images)

NICOLA: Il punto è proprio questo signorina, io sono Alva Fisher e con la mia lavatrice a motore elettrico risolverò il suo problema e quello di tutte le massaie del mondo!

MARTINA: ma è bellissimo!

NICOLA: (credendo che il complimento sia rivolto a lui) Grazie!

MARTINA: no dico, è bellissimo lavare i panni così in fretta! Ci vorrebbe qualcosa di simile anche per farsi la messa in piega.

GABRIELE: Udite udite! Con il nuovo asciugacapelli non dovrete più fare fatica per asciugarvi i capelli, potete state comodamente sedute e in un attimo la vostra chioma sarà più asciutta che mai.

YOUNESS: Addio raffreddori da capelli umidi, comprate il nuovo asciugacapelli… e fatevi tutti belli! Per il primo lancio il prodotto è in offerta!

MARTINA: e lo posso anche mettere nel salotto di casa?

GABRIELE: certamente, forse in bagno sarebbe più appropriato, ma il cliente ha sempre ragione…

YOUNESS: L’asciugacapelli della Lindstrom & Smith Company si può installare su qualsiasi parete, basta fare due fori alla distanza di (mentre indica la distanza viene interrotto)…

AIMAN: BUCARE IL MURO!!! IL NUOVO TRAPANO “BUCATUTTO”! Comprate il nuovo trapano, fori su qualsiasi superficie! AHAHAHAHAHAHAH!

SARA: Aiuto ma chi è questo pazzo col trapano?

AIMAN: io sono Duncan Black, Blaaaaaack!!! TRAPANO!!!!

VANESSA: (entra di corsa a cacciare Aiman) Ma se ne vada! Signori, vogliate scusare questa spiacevole intrusione, decisamente fuori luogo. Se mi permettete vorrei invitarvi nel mio locale, c’è una novità molto interessante che vi costerà soltanto una piccola moneta. (musica).

FATIMA: (entrando trasognante) ma… da dove viene questa melodia armoniosa?

VANESSA: dal fonografo!

la lavatriceYOUNESS: fonocosa?

FATIMA: il fonografo alimentato a monete! Il Jukebox della Edison Glass Electric! D’ora in poi ballare alle feste costerà solo pochi centesimi! Metti la moneta, scegli la canzone, e parte la musica! Non vedrete l’ora di scatenarvi coi vostri amici!

PAOLO: Scateniamoci!!!! IL NUOVO TRAPANO “BUCATUTTO”! Comprate il nuovo trapano, fori su qualsiasi superficie! AHAHAHAHAHAHAH!

VANESSA: ma ce n’è un altro di questi scellerati? E lei chi è?

PAOLO: io sono Alonzo Decker, Deeeeecker!!! TRAPANO!!!!

FATIMA: ma che guastafeste, ha rovinato la serata con questo fracasso bestiale. E io che volevo passare tutta la serata a ballare…

YUNES J: Il mondo è pieno di pazzi signorina, cosa possiamo farci… Da parte mia la potrei accompagnare fino a casa.

GIULIA: guardi, io abito Prignano, è a 46km da qui

images 1YUNES J: E qual è il problema? Non dobbiamo mica andarci a piedi, ma useremo il mio gioiellino parcheggiato qui fuori, è un’automobile! Con questo prodigio della tecnica la riporterò a casa in men che non si dica! (partono in macchina)

AIMAN e PAOLO: BUCARE LE GOMME!!!

AIMAN: IL NUOVO TRAPANO “BUCATUTTO”!

PAOLO: Comprate il nuovo trapano, fori su qualsiasi superficie!

YUNES J: (disperato) Ma cosa fate, le mie ruote! Accidenti a voi, ma chi siete?

AIMAN: Duncan Black!

PAOLO: Alonzo Decker!

AIMAN e PAOLO: Blakc & Decker!!! (escono)

YUNES J: (disperatissimo, a Chiara) siamo spacciati!!!

ALESSIO: La soluzione la ho io signorina, venga con me! Siete stanchi di camminare, e di farvi male al sedere andando in macchina, con quelle strade piene di buche? Avete paura di incontrare Black&Decker sulla vostra strada? Provate il nuovo e utilissimo dirigibile! Vola! E potrete fare viaggi in posti impensabili!

GIULIA: io dovrei andare Prignano.

ALESSIO: e allora salga, decolliamo!

CRISTIAN: (entrando) ma fatemi il favore, quale dirigibile! (fa scendere Alessio e Chiara). Il mezzo di trasporto del futuro non è questo, ma è il carrarmato!

TUTTI: (sospiro di spavento) Cosa? Eh?

CRISTIAN: Ma si, il carrarmato! Vi siete stancati delle guerre con fucili e scontri faccia a faccia? Allora comprate il carrarmato, corazzato! Indistruttibile! Inarrestabile! Con un cannone… che spara… missili potentissimi!!!! La guerra sarà molto più rapida!

TUTTI: (coro voci sparse) ma come? Ma no! Dai, no! La guerra no!

GABRIELE: Io in guerra non ci voglio andare.

ALESSIO: In guerra ci si fa male!

SILVIA: Ma non abbiate paura, adesso abbiamo il CEROTTO! Funziona su qualsiasi ferita! Andare in guerra non è mai stato così sicuro! Taglietto sul pollice con la carta della lettera di chiamata alle armi? Usa il CEROTTO! Ginocchio sbucciato mentre prepari la trincea? Usa il CEROTTO!

GIULIA: ferita al braccio durante uno scontro all’arma bianca?

SILVIA e ALTRI 3: Usa il CEROTTO!

EMANUELE: pallottola sparata dal fronte nemico conficcata nella gamba?

SILVIA e ALTRI 7: Usa il CEROTTO!

CRISTIAN: ventre squartato da una cannonata?

TUTTI: Usa il CEROTTO!

FINE

Scuola Media Berti

NESSUN COMMENTO

Rispondi