Così è, SE vi pare

Ci siamo, siamo entrati nel vivo. La design week è giunta a metà, i milanesi – autoctoni e acquisiti – si lamentano perché (si, effettivamente) la città sta per esplodere. Gente ovunque, traffico assurdo, mezzi pubblici rallentati, con conseguenti umori neri. Noi che invece siamo della compagnia del colore, non ci facciamo intimorire e andiamo dritto per la nostra strada. Fanno parte di questa squadra i designer, i turisti e le aziende che sono qui per mostrare al mondo il loro valore. Fra coloro che ci credono, ci sono loro, tre ragazze che ho avuto occasione di intervistare perché mi ero innamorata della loro storia.

10506807_663227290454058_1645856348561015388_o

 

Si chiamano Isabella, Francesca e Claudia e sono le ideatrici, creatrici e imprenditrici di IF Bags. Se non la conoscete, ve la presento in poche righe: coloratissima, in eco-pelle e lacci di corda, è la borsa più essenziale e personale del panorama milanese. Frutto della fantasia di queste ragazze, è un insieme perfetto di elementi che, assemblati a mano in un’azienda di cartotecnica, hanno riportato in voga uno stile intramontabile. Hanno portato lo zainetto in cui mettevamo le scarpe per l’ora di educazione fisica ad un oggetto del desiderio. Ma come hanno fatto??!!!

Partiamo dall’inizio. Mi ricevono nella cucina della loro villetta, mentre si preparano la cena. Stappata una birra, mi raccontano di come l’idea sia nata semplicemente dalla voglia di creare un progetto, tra amiche. “Siamo partite dagli elementi che ci sono familiari: il design (Isabella ha studiato design industriale, NDR), la scenografia e la cartotecnica”. In seguito abbiamo capito l’importanza della personalizzazione. Ognuno può scegliere il colore della propria borsa e personalizzare tutti i dettagli: la corda e i tips. Questo rende il prodotto assolutamente unico ed è molto importante, perché i tutti ci teniamo ad essere speciali”.

if1

Assolute ambasciatrici del colore, hanno creato il mondo IF con un’iconografia fumettosa e divertente, impossibile non farsi affascinare. E non hanno intenzione di fermarsi. Se visitate il Fuori Salone (fino a domenica 19 aprile) non mancate di visitare il loro temporary, in via Tortona 16 a Milano, che dividono con il brand di occhiali from Mykonos, Kopajos. Oppure il loro spazio in via Vigevano 11 (fino al 30 maggio): IF Creative Lab, una fucina di talenti creativi dove, oltre alle IF, potrete acquistare le stampe di giovani e talentuosi illustratori o imbattervi in una painting live performance. Insomma, un mondo di sinergie che questa città aiuta a raccogliere.

if-bags-love-blog_784x0

Nel nostro incontro, infatti, parliamo anche di Milano, di come tutto scorra rapidamente qui. “Credo che sia per il fatto che tutti noi sappiamo di non volerci rimanere per sempre” scherzano. Originarie di Napoli, Milano e Pordenone conoscono bene il ritmo delle altre realtà e credono in un modello di vita sostenibile, il cosiddetto work/life balance. Dichiarano di voler crescere per creare un’azienda dove far lavorare i loro amici, magari fuori città, in mezzo alla natura. Una visione positiva, un progetto imprenditoriale di successo, di giovani imprenditrici donne, che sono felice di divulgare. D’altra parte il loro nome, IF (“se” in inglese), apre spazio nell’inatteso, e dichiara nuove possibilità, proprio in questa città affollata, in questo momento storico dove la fiducia non abbonda. Perché, alla Pirandello, ognuno può avere la propria visione delle cose. Quella di IF, sicuramente, è in multicolor.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *