Le impronte di Jaix, dal canile alla street art

Jaix è un cane bianco e nero. È una femmina ed è uscita dal canile di Modena nel 2002, casualmente, così come casualmente è diventata icona e musa ispiratrice. Da anni Jaix diffonde la sua arte, in città la possono vedere tutti. Tracciata come graffito, con le sue semplici linee canine ha riqualificato spazi urbani e ridato vita e colore a luoghi degradati.

Sta a cuccia, a quattro zampe, fa i suoi bisogni indisturbata, scruta i passanti con lo sguardo languido e attento dei cani. Ha uno spirito creativo e lo usa per raccontare la sua identità fissandola sul tessuto urbano. Per arrivare più lontano è diventata sticker, portando la sua presenza e il suo sorriso canino fino a Parigi, Berlino, New York e Londra, dove lo scorso febbraio ha viaggiato anche in veste di poster.

Jaix sostiene che la città sia una tela da decorare e che il muro grigio e l’angolo spoglio possano essere usati per veicolare messaggi positivi. Dice che qualsiasi intervento artistico racconta il nostro tempo e che spesso non ci accorgiamo di quanto l’arte sia semplice nel suo contenuto: “è quello che abbiamo davanti, un raccontare qualcosa del quotidiano tra immaginazione e realtà”.

L’impronta di Jaix è un segno grafico immediato, sia in pittura sia in disegno, su collage come a stencil. E’ un’icona pop che quando incontra la tela vera si diverte a diventare seriale, mantenendo precisi i suoi contorni come le figure saltellanti di Keith Haring.

Alla fine, quando posa gli strumenti di lavoro, le piace fotografarsi con le sue opere perché è giusto serbare un ricordo dei momenti speciali, quelli che scaturiscono da una forte emozione. E Jaix crea arte proprio perché vive, riflettendo emozioni, affetti e sentimenti. I cani, afferma, sono come gli esseri umani, “affezionati, confusi, facilmente delusi, avidi di divertimento”. Per questo possono essere un supporto reciproco, muoversi su un terreno comune, siglare un’alleanza, una forma di scambio: l’arte, allora, non è che un pretesto per parlarne.

Jaix esce dal canile e diffonde la sua arte, così che tutti possano conoscerla.

Una risposta a “Le impronte di Jaix, dal canile alla street art”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *