Brasile 2014: Sogno di una notte di mezza estate

Brasile 2014, non si parla d’altro.
Semifinale. Tu dove la guardi?

Berlino sfida la stagione delle piogge e si riversa nei mille bar che proiettano la partita.

10 pm, Brasile Germania, Belo Horizonte.
Lo stadio è GIALLO, come la maglia dei suoi giocatori.
La tensione sa di aspettative miste all’attesa.

Siedo in un bar dietro casa.
Al tavolo tutte donne
una tedesca-tedesca
un’anglo-tedesca,
2 americane
una tedesca-cilena
e un italiana.
Me.

ger1Cominciano i goal
Tra le mani, il telefono vibra senza sosta.
Dall’altra parte c’è qualcuno che sta guardando la partita insieme a te.

Amici, Amori, Famiglia.
La Germania fa ormai parte della tua vita,
Così come il Brasile e L’Argentina
Per non parlare dell’Italia.

Ci si scambia messaggi veloci
“Hi guys, never seen anything like this… Come on Germany!!”
E i goal continuano
“Non saprei quale delle due squadre è sotto l’uso di stupefacenti”
E i goal continuano
“me lo aspettavo… ma il primo tempo 5 a 0 no”
E i goal continuano.
Applausi.

ger2Le ragazze americane guardano divertite lo spettacolo.
Ogni tanto fanno domande
Il calcio non fa parte del loro immaginario quotidiano.
È proprio vero, “Tutto è relativo nella vita”
anche i mondiali di calcio!
Ma non ditelo ai tifosi brasiliani
Quelli che hanno fischiato i giocatori
lasciando lo stadio prima della fine della partita.
Loro, sono gli unici che hanno perso oggi.

Fischio dell’arbitro.
Germania batte Brasile 7 a 1.
La semifinale con più gol della storia del calcio.
Qualche pacca sulla spalla
Pochi abbracci gioiosi
La gente salta sul posto
esulta,
batte le mani
e riprende il suo posto.
Tra le mani una birra,
C’è bisogno di tempo per realizzare…
…che è fatta!

ger3Poi,
lentamente,
alcuni più sbronzi e vocianti di altri,
si incamminano verso casa.

Se li fermi per chiedergli dove festeggia la gente
Ti rispondono che “i turchi sicuro vanno a Kudamm”.
Ma che loro no.
“Domani si lavora!”
E quasi per rassicurare la mia espressione delusa
aggiungono con un sorriso sornione
“Ci rifaremo festeggiando domenica!”

Carpe diem Germania
Penso tra me e me
Carpe diem.

(Immagine di copertina tratta dalla pagina Facebook “Tua madre è leggenda“)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *