Una polpetta avvelenata per la finanza creativa

Con i 13.640 miliardi di dollari spesi per tamponare la crisi economica globale potremmo coprire il fabbisogno alimentare e sanitario dell’intera popolazione mondiale per 150 anni. Invece sono stati dati alle banche dove vi sono dirigenti con stipendi milionari che applicano una scienza esatta: la finanza creativa. Ma la responsabilità non è solo di chi lavora in banca, è anche di chi ha un conto corrente. Le banche vendono polpette, i risparmiatori possono scegliere se mangiarle o no.
Su Note Modenesi la prima parte dello spettacolo “Pop Economix” prodotto da Banca Popolare Etica, Teatro Popolare Europeo e Il Mutamento Zona Castalia. Di Alberto Pagliarino, Nadia Lambiase e Paolo Piacenza. Proposto a Pavullo nel Frignano il 3 agosto 2013.

Una risposta a “Una polpetta avvelenata per la finanza creativa”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *