Tete spazio aperto. Il teatro dal palcoscenico alla città

IMG_3999La gestione di TeTe – Teatro Tempio è svolta dalla Parrocchia di San Giuseppe e, dal 2010, dall’associazione culturale Gruppo Darte Peso Specifico, composta da Santo Marino, Lisa Severo, Roberta Spaventa, Chiara Pellaccani, Cristina Carbone, Francesca Iacoviello.
“Tete si muove in maniera variopinta, per portare cultura alla cittadinanza. Non ci interessa cosa va di moda quanto piuttosto cosa può aderire alla poetica del posto. Il teatro di denuncia, anche se nasce da una necessità, non è sufficiente. A TeTe si vuole permettere allo spettatore di indagare una realtà sociale, politica e individuale per introdurre un elemento di cambiamento.” spiega Roberta.

Negli ultimi anni la zona del Tempio-Stazione dove si colloca la sede è stata interessata da segnali importanti di riqualificazione sociale ed economica, volti a contrastare la criminalità e il disagio anche attraverso la promozione di iniziative volte a favorire la “riappropriazione” del territorio.
Che la componente socio-educativa sia parte integrante della realtà artistica di TeTe è evidente già dalla sua programmazione.

IMG_4533Il laboratorio Vuoto a Rendere si è sviluppato lavorando direttamente con i bambini e gli anziani del quartiere, ed è incentrato sul lascito degli anziani ai più giovani, di come questo vada a riempire un vuoto. I corsi di Alta Formazione invece offrono la possibilità ai partecipanti di lavorare con professionisti come Marco Manchisi ed Elena Bucci. “Mantenere un intento pedagogico e formativo indica la cifra della possibilità di sviluppo e della costruzione sociale” dice Roberta.

A Marzo 2014 prenderà il via anche la terza edizione della rassegna Funambola, che attraverso spettacoli e laboratori indaga l’equilibrio fra maschile e femminile nell’individuo e nelle relazioni.
Il 2013 si chiuderà invece con Ogni Mille Passi Doppi. La rassegna dedicata alle nuove realtà teatrali e musicali di respiro internazionale, che si inserisce nel più ampio contesto del festival Andante andrà in scena dal 17 al 24 Novembre.

TeTe spesso scende dal palcoscenico e occupa il vecchio spazio dell’oratorio, e da lì coinvolge il resto del quartiere e la città, muovendosi contemporaneamente oltre i suoi confini.
La cultura e il teatro assumono la forma di momenti di aggregazione, e i loro spazi, così aperti, sono restituiti alla cittadinanza come luoghi da vivere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *