Stiamo male!

Presidente, chi ha vinto?
Hanno vinto coloro che stanno male e che non si sentono rappresentati da questo sistema. Il 25% è rappresentato da coloro che non sono andati a votare, partito tendenzialmente in crescita di chi che ha perso completamente la fiducia, e l’altro 25% è il partito di Beppe Grillo.

In che senso ha vinto il partito di coloro che stanno male? E’ vero che tutti hanno esperienza diretta della crisi, ma è anche vero che c’è gente che è andata a votare l’ex premier Silvio Berlusconi, quello che – per essere benevoli – non è riuscito a traghettare l’Italia fuori dalla crisi, anzi l’ha lasciata in condizioni peggiori.
Il malessere c’è nella gente che non ha lavoro, fatica a pagare i mutui e le tasse, ma soprattutto nelle persone che in questa situazione vedono i propri rappresentanti politici inefficaci, lenti nelle decisioni, che usano risorse pubbliche in maniera impropria, ma anche che hanno comportamenti e stili di vita lontani da quelli della gente comune. Per questo non credono più in niente e hanno deciso che tanto con il voto non cambia niente. Poi c’è chi si è affidato a chi ha promesso un cambiamento radicale come Grillo: “mandiamo a casa quelli che se ne approfittano, e quelli che ci hanno condotti in questa situazione”.

Perché la gente non ha votato il Partito democratico? Che cosa è mancato al PD per essere scelto come partito su cui puntare?
Purtroppo è mancata una proposta che apparisse convincente agli occhi degli elettori.

Le primarie quindi non sono servite a niente?
Sono servite a mobilitare 3,2 milioni di persone che poi sono diventati soltanto 10 milioni al momento delle elezioni. Ciò mi fa dire che non è solo un problema di efficacia della campagna elettorale ma che c’è una forma partito che va modernizzata.

Il PD ha confermato la propria presenza nelle solite regioni come, ad esempio, l’Emilia o la Toscana.
Innanzitutto occorre registrare che anche in queste regioni ha preso piede il cosiddetto partito del malessere.

Forse il buon governo a livello regionale non basta?
Evidentemente non è sufficiente altrimenti anche nelle altre regioni l’opzione sarebbe dovuta andare a chi ha dimostrato di governare bene. C’è da dire che il buon governo è considerato dai più un diritto, una condizione minima da garantire da parte di qualsiasi partito. Va poi considerato l’impatto sull’elettorato delle scelte del governo Monti. Sia in un caso che nell’altro si è sottovalutato il malessere delle persone e la necessità di cambiamento. Vedremo nei prossimi giorni, quando i dati saranno ancora più precisi e si potranno fare paragoni anche con il passato.

Cosa occorre cambiare se si dovesse tornare a votare a breve?
Cambiare i leader e i criteri di selezione della classe dirigente. E riuscire a rappresentare e a dare risposta al malessere che si è presentato.

C’è questo malessere. Adesso chi è in Parlamento – persone elette – cosa devono fare?
Devono assolutamente trovare il modo di rappresentare questo malessere. Garantire la stabilità necessaria a fare le riforme che negli ultimi anni sono state lasciate nel cassetto. Fare bene e soprattutto in tempi rapidi. Essere credibili nei propri comportamenti e stili di vita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *