“Fiat lux”

BishopsIl primo febbraio, Monsignor Mariano Crociata, Segretario generale della Cei, rispondendo alle domande dei giornalisti durante la conferenza stampa di presentazione del comunicato finale del Consiglio permanente tenutosi qualche giorno prima ha giustamente affermato che i cattolici devono dare il proprio sostegno – leggasi “voto” – a chi sostiene «i valori irrinunciabili», che costituiscono «la base del bene comune».

Essendoci anche nel nostro paesello alcuni cattolici, la notizia ci pare interessante da rilevare.
Per chiarire questa affermazione, piuttosto general-generica (come tutti sanno i Valori vanno interpretati e così cominciano i guai), ha voluto fare due appelli molto significativi.

Il primo è rivolto a quei cittadini che proprio sembrano non farcela ad andare a votare, schifati dalla totale impresentabilità di rappresentanti del Popolo e delle loro bislacche idee.

A questi cittadini, Monsignor Crociata si rivolge con grande chiarezza e in modo accorato sottolineando quanto «le insoddisfazioni che, in maniera più o meno forte, possono essere avvertite devono indurre a scelte molto oculate, a valutazioni molto attente che comunque, attraverso l’espressione del voto, contribuiscano a dinamiche d’impegno, di confronto, di rapporto tra forze e presenze che possono interagire per produrre politica».

Bene, molto chiaro, forse per i romani che sono un popolo eccezionalmente intelligente. Cʼè qualcuno che invece sappia spiegare, a noi modenesi un poʼ duri di cervice, cosa significa? A noi del paesello, dopo aver riletto tre volte la frase, ci è venuto un poʼ di mal di testa.

Il secondo punto riguarda invece un avvertimento veramente molto importante. Il Monsignore mette in guardia i cattolici dal «farsi ingannare da imbonitori di qualsiasi sorta» e a «valutare onestamente il quadro complessivo». «Non lasciamoci ingannare – ha detto il vescovo – da formule illusorie, orientiamoci alla scelta del bene maggiore di tutti, della società intera, che alla base ha i valori della persona».

A chi si rivolgeva in particolare? Chi sarebbero gli imbonitori di qualsiasi sorta? Cʼè qualcuno che non sta imbonendo gli elettori? Per favore chi è?

Noi di Pa(r)vera avremmo bisogno che qualcuno ci chiarisse i due punti. Chi ci riesce vince uno zampone (da sempre preferibile allʼabbacchio).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *